Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Home / Visite / Visite in 28′ a piedi

Visite in 28′ a piedi

Luoghi raggiungibili in 28-33 minuti a piedi dalla “Suite” (distanza massima km 2,4) o in bus per piazza Indipendenza con le linee 309 o 389 (fermata Amat di fronte la “Suite”)

Le strade: corso Calatafimi – via Vittorio Emanuele – piazza della Vittoria – via dei Biscottari – via del Bastione – via dei Benedettini

 

CATTEDRALE DI PALERMO
• Indirizzo (Address): Parrocchia Maria SS. Assunta – corso Vittorio Emanuele tel. 091.334376 – 329.3977513 e-mail: segreteriacattedrale@diocesipa.it web: www.cattedrale.palermo.it
• Visite (Visits): da lunedì a sabato h 7.00-13.30 e h 19.00; domenica h 8.00-13.00 e h 16.00-19.00 (la visita turistica è consentita solo negli intervalli tra le celebrazioni religiose).
• Voluta dall’arcivescovo Gualtiero Offamilio, la Cattedrale fu eretta nel 1184 sotto il regno del re normanno Guglielmo II sul luogo dove sorgeva precedentemente una basilica trasformata in moschea dagli arabi. Nel corso dei secoli l’edificio ha subito moltissimi cambiamenti tra cui i più radicali tra il 1781 e il 1801 ad opera di Ferdinando Fuga (croce latina, navate laterali, ali del transetto, cupola). La cattedrale inoltre conserva al suo interno le sepolture di Ruggero II, Enrico IV di Svevia, Costanza d’Altavilla e Federico II di Svevia oltre che la cappella di Santa Rosalia e un tesoro costituito da numerosi oggetti preziosi.
Built in the 12th c. by the Normans, on the site of an old Christian basilica, it was altered in later centuries; the Catalan-Gothic porch, the tombs of the Norman, Swabian and Aragonese kings, the silver urn of St Rosalia and a small museum are of particular interest.

 

TESORO, CRIPTA E TOMBE DELLA CATTEDRALE
Cathedral treasure
• Indirizzo (Address): via Vittorio Emanuele – Cattedrale – tel. 091.334373 e-mail: segreteriacattedrale@diocesipa.it web: www.cattedrale.palermo.it
• Visite (Visits): periodo novembre-febbraio, da lunedì a sabato h 9.30-13.30; periodo marzo-ottobre, da lunedì a sabato h 9.30-17.30; aperto 25 aprile, 1° maggio, 15 agosto.
• Ingresso (Tickets): intero euro 2,50; ridotto euro 1,50 >65 anni; euro1,00 <18 anni; Tesoro + Cripta euro 2,00; Tombe Reali euro 1,00; Biglietto cumulativo Tesoro + Museo Diocesano euro 5,00.
• Conserva oggetti rinvenuti nelle tombe dei reali normanni: paramenti sacri, codici miniati, smalti, breviari ed orificerie. Di rilievo la tiara d’oro di Costanza d’Aragona.
This contains objects which were found in the tombs of various Royal Norman families: sacred wall hangings, illustrated manuscripts, enamels, prayer books and items in gold. The tiara of Constance of Aragon is of particular interest.

 

TETTI DELLA CATTEDRALE
• Indirizzo (Address): via Vittorio Emanuele – Cattedrale tel. 091.334373 – 329.3977513 e-mail: tourcattedrale@diocesipa.it web: www.cattedrale.palermo.it
• Visite (Visits): la visita non è consentita ai cardiopatici, a coloro che soffrono di claustrofobia, vertigini, disabilità psicofisica e attacchi di ansia.
• Ingresso (Tickets): intero euro 5,00; ragazzi >11 <17 anni, euro 3,00.
Da una porta, all’interno della Cattedrale di Palermo, si accede ad una scala, che ti immette in un incantevole quanto inaspettato luogo, si tratta dei tetti della bellissima Cattedrale. Non hai che rimanere incantato, un grande terrazzo, maiolicato, percorribile in lungo e in largo con una serie di cupole, che non sono altro che lucernai della chiesa, rivestite di maioliche a semicerchi, di colore verde e bianco. Da una scaletta a giorno con ringhiera in ferro si percorre un altro corridoietto all’aperto dove puoi ammirare da ancora più su non solo queste bellissime cupole, ma tutta la piazza e i tetti delle case di Palermo. Finito il percorso all’aperto, si entra attraverso una porticina all’interno di una delle quattro torri, proprio quella che svetta accanto al portico della chiesa, quella che tutti ammiriamo per la sua eleganza e le sue finestre bifore di stile gotico. Una scala a chiocciola un po’ avvallata che sale e sale fino ad arrivare al tetto. Una “Porta verso il cielo” è stata denominata questa visita guidata, ed è proprio vicino al cielo che ti senti di essere. Da li puoi dominare tutta Palermo. Di notte vedi tutte le luci della città brillare nel buio e una bellissima sensazione di immensa grandezza ti invade, di giorno puoi scorgere tutte le cupole delle varie Chiese, distingui i teatri, individui le ville, il Palazzo Reale, la Cala di Palermo. Ma ciò che c’è di straordinario, non è solo la vista panoramica, ma il privilegio di potere vedere da vicino e da un’altra angolazione la meraviglia architettonica della Cattedrale.

 

CHIESA DI SANTA CRISTINA LA VETERE
• Indirizzo (Address): cortile dei Pellegrini (traversa via Matteo Bonello dietro la Cattedrale) – associazione «Itimed» tel. 091.348728 – 348.3394617 fax 091.348728 e-mail: info@itimed.org – web: www.itimed.org
• Visite (Visits): con guida dei soci «Itimed», domenica h 10.00-13.00; altri giorni su prenotazione per gruppi min. 10 persone; disabili con accompagnatore.
• Ingresso (Tickets): contributo euro 2,00 a persona; ridotto euro 1,50 per gruppi min. 10 persone compresa degustazione del “biscotto del pellegrino”.
• La chiesa fu fondata da Gualtiero Offamilio nel 1174 nel luogo dove nel 1160 una nave vi trasportò le reliquie della Santa risalendo il fiume Papireto. La chiesa di Santa di Cristina la Vetere nella “Strada dei pellegrini” è una testimonianza della cultura dei pellegrinaggi a Palermo, come ci dimostra l’antico toponimo. Per secoli, la strada è stata solcata dal passo dei pellegrini che venivano ospitati presso le costruzioni adiacenti alla Chiesa dalla Confraternita dei Rossi che, in loro nome, ha fondato l’attiguo e ormai sconsacrato Oratorio dei Pellegrini. La piccola chiesa normanna del XII secolo ci permette di fare un’esperienza di raccoglimento interiore, assai più preziosa perché sempre più inconsueta nella nostra epoca rumorosa e veloce. L’interno è formato da una sala quadrata a croce greca dove quattro robusti pilastri e archi ogivali sostengono la copertura a crociera e delineano tre ambulacri coperti da volta a botte. Nel 1586 furono ricavate due nicchie in fondo alle due navate minori (la destra oggi murata); nella nicchia rimasta, restano visibili tracce di affreschi con le figure di San Pietro e San Paolo.

 

PALAZZO ARCIVESCOVILE DI PALERMO
• Indirizzo (Address): via Matteo Bonello, 2 – palazzo Arcivescovile tel. 091.6077111 web: www.arcidiocesi.palermo.it
• Fondato nel XIV secolo, l’edificio è stato completamente stravolto nel corso dei secoli e solo nella facciata principale è possibile ammirare i resti della struttura originaria (la trifora gotico-catalana e l’arco ribassato). Oggi è sede del museo Diocesano, a cui si accede dal secondo cortile a sinistra che ha permesso al pubblico di accedere all’edificio.

 

 

MUSEO DIOCESANO DI PALERMO
Diocesan museum
• Indirizzo (Address): via Matteo Bonello, 2 – palazzo Arcivescovile tel. 091.6077111 – 091.6077215 fax 091.6113642 web: www.diocesipa.it
• Visite (Visits): da martedì a venerdì h 9.30-13.30; sabato h 10.00-18.00; domenica e festivi h 9.30-13.30; lunedì chiuso; disabili con accompagnatore.
• Ingresso (Tickets): intero euro 4,50; ridotto <18 >65 anni, scolaresche e gruppi euro 3,00; biglietto cumulativo (tranne la domenica): museo Diocesano + tesoro della Cattedrale euro 5,00.
• Occupa un’ala del palazzo Arcivescovile, arte sacra dal XVI al XIX sec. Nato nel 1927 il museo Diocesano è stato riordinato nel 1952 sotto la guida di F. Pottino, acquisendo un grande numero di opere provenienti soprattutto dalla Cattedrale di Palermo o salvate da una serie di locali distrutti dalla guerra. Contiene dipinti, sculture, oreficerie, marmi e arredi databili tra il XII e il XX secolo a cui fanno da sfondo le splendide sale del palazzo.
This occupies a wing of the Palazzo Arcivescovile (the Archbishops Palace) and it contains examples of 16th-19th century religious art.

 

 

PALAZZO ASMUNDO
• Indirizzo (Address): via Pietro Novelli, 3 tel. 091.6519022 – 335.6687798 – 380.8646602 web: www.palazzoasmundo.it e-mail: info@palazzoasmundo.com – palazzoasmundo@iol.it web: www.palazzoasmundo.com
• Visite: solo su prenotazione, tutti i giorni (daily) h 9.00-13.00; lunedì chiuso (closed on Mondays); dal 9 al 23 dicembre da lunedì a sabato (Mon to Sat) h 9.00-13.00.
• Ingresso (Tickets): intero euro 6,00; ridotto euro 4,00 per gruppi di minimo 25 persone, >60 anni, soci TCI e FAI, giovani >12 e <18 anni, studenti universitari; gratuito <11 anni; scolaresche e gruppi su prenotazione euro 2,00.
• Dimora principesca che conserva superbi affreschi realizzati da Gioacchino Martorana nel 1764: in essi osserviamo magnifiche allegorie che inneggiano alla giustizia terrena e divina, celebrando, così, il ruolo di presidente di giustizia del committente Giuseppe Asmundo. Un unico complesso artistico, considerato una delle testimonianze più eloquenti del mondo aristocratico dei secoli passati: con le poliedriche collezioni di ceramiche siciliane, i mattoni di censo, le porcellane napoletane e francesi, i vasi, i ventagli, i ricami, la copiosa documentazione cartografica e numismatica, le carrozze e le portantine, leggiamo i segni eccezionali della cultura, della tradizione e dell’identità siciliana. Percorsi turistici, attività didattiche ed eventi culturali che partendo dal museo e dalla sua strategica posizione di fronte la cattedrale di Palermo, punto di naturale irradiazione del turismo in Sicilia, coinvolgono molte delle realtà culturali, artistiche, storiche, ambientali e produttive del territorio circostante.

 

CASE ROMANE (RESTI)
Roman ruins
• Indirizzo (Address): piazza della Vittoria – villa Bonanno
• Visite (Visits): periodo invernale da lunedì a sabato (Mon to Sat) h 9.00-17.30; periodo estivo da lunedì a sabato (Mon to Sat) h 9.00-18.30; festivi (holidays) h 9.00-13.30; disabili con accompagnatore.
• All’interno di villa Bonanno, sono stati rinvenuti dopo 50 anni di scavi iniziati nel 1864, i resti di case romane oggi visibili.

 

 

 

PALAZZO SCLAFANI
• Indirizzo (Address): piazza Vittoria – piazzetta San Giovanni Decollato (ingresso da via Pietro Novelli, di fronte la Cattedrale) tel. 091.6516059
• Visite (Visits): solo dietro richiesta scritta al “Comando Regione Militare Sud S. M.” – Ufficio Affari generali; disabili con accompagnatore.
• Situato in piazza Vittoria, palazzo Sclafani fu realizzato per volere del nobile Matteo Sclafani nel 1330. Dopo il declino della famiglia Sclafani e dopo l’avvento degli spagnoli, il palazzo fu trasformato in ospedale (1435) e in parte abbandonato al degrado; la costruzione fu recuperata integralmente solo nel 1852 quando fu trasformata in caserma militare (ancora oggi è sede del comando militare). Particolarmente affascinante l’intreccio di archi e il portale di Bonaiuto da Pisa.


PALAZZO CONTE FEDERICO
• Indirizzo (Address): via dei Biscottari, 4 tel. 091.6511881 fax 091.6511881 e-mail: contefederico@contefederico.com – visitcontefederico@gmail.com web: www.contefederico.com
• Visite (Visits): solo su richiesta; visita guidata del palazzo e della torre arabo-normanna con uno dei proprietari (durata 45’).
• È uno dei più vecchi e prestigiosi edifici di Palermo. Ubicato dentro le primitive mura della città punica è a pochi passi dal Palazzo Reale, dalla Cappella Palatina e dalla Cattedrale. La sua parte più antica, una torre arabo-normanna del XII secolo denominata “Torre di scrigno”, era posta sopra le mura urbiche e probabilmente difendeva l’accesso alla porta Busuemi. Il restante edificio venne costruito nel 1646 in stile barocco da Gaspare Federico conte di San Giorgio e rimodernato da Nicolò Federico e Opezzinga nell’attuale impostazione esterna. Dal cortile interno, decorato in pietra a intaglio da Giuseppe Venanzio Marvuglia, attraverso la grande scala in marmo rosso, si accede al piano nobile; nei saloni, arredati con mobili originali e quadri di artisti dell’epoca (pregevole una Madonna del Quattrocento di scuola senese) si possono ammirare i soffitti lignei dipinti del XV secolo, il “Trionfo della virtù sul tempo” di Gaspare Serenario dipinto nel 1754 e le varie collezioni di armi e ceramiche antiche. Il palazzo è oggi abitato dal conte Alessandro Federico e dalla sua famiglia che trae origine da Federico d’Antiochia, uno dei figli di Federico II.


 

   
CHIESA E CHIOSTRO DI SAN GIOVANNI DEGLI EREMITI

Church St John of the Hermits and cloister
• Indirizzo (Address): via dei Benedettini, 18 tel. 091.6515019 – Sopraintendenza tel. 091.7071248 – 091.7071402
• Visite (Visits): periodo invernale, tutti i giorni (daily) h 9.00-17.00; periodo estivo, (inizio ora legale) h 9.00-18.30.
• Ingresso (Tickets): intero euro 6,00; ridotto euro 3,00; gratuito (free) persone <18 e >65 anni.
• Costruita nel 1142 sul luogo dove sorgeva una moschea araba. Suggestive le cinque cupolette rosse, il chiostro ed il magnifico giardino lussureggiante.
It was built in 1142 on the site of an Arab mosque. Its most charming features are the five red domes, the cloister and the magnificently luxuriant garden.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi